Medicina e Mediterraneo

MED E MED onlus

Medicina e Mediterraneo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Messaggero

27 dicembre 2001

Un centro di telemedicina per i paesi più disagiati

    Il convegno sulla Telemedicinana, che si è svolto a Poggio Bustone, organizzato dalla Provincia e dalla Pro Loco, ha richiamato grande attenzione. Il professor Luigi Gentilini, direttore scientifico dell'Associazione Med e Med onlus (Medicina Mediterranea), ha parlato della possibilità di creare delle elementari, all'inizio, reti telematiche dedicate alla telemedicina. «Queste reti - ha detto il Prof Gentilini - dovranno collegare centri abitati o sanitari che vivono in territori lontani dai centri di assistenza aspedaliera qualificata o di volontariato progredito. La tecnologia in un prossimo futuro può essere d'aiuto nelle piú svariate specialità:dalla consulenza ostetrico-ginecologica a quella pediatrica, neuologica, riabilitativa e oncologica.

Il dottor (Osvaldo Patacchiola ha evidenziato l'utilità di una rete per la cardiologia mediante la trasmissione in tempo reale degli elettrocardiogrammi. Altro interessante intervento è stato quello della dottoressa Maria Teresa Santacroce che come medico di famiglia, ha sottolineato I'utilítà di una valida formazione del personale paramedico. I chirurghi Antonello Trecca ed Enzo De Sanctis hanno ribadito che il tutto deve ruotare anche intorno alI'educazione della gente. L'assessore alle politiche sociali della Provincia di Rieti Vincenzo Rinaldi ha mostrato forte interesse impegnandosi a realizzare un centro di telemedicina con lo scopo di favorire la terapia sul posto senza dover spostare il paziente.